CORSO DI DOCUMENTARIO ETNO -ANTROPOLOGICO 
SUI TERRITORI E LA LORO VITA

TERRITORI VIVENTI

  • facebook
  • youtube
  • Instagram
 

Il progetto Territori Viventi  realizzato da Mommotty  con il sostegni di Mibact e Siae  nell’ambito di  S’illumina - Copia privata per i giovani, per la cultura ed.2017,   nasce con l’intento di formare un nucleo di giovani filmmaker a una specifica tipologia di attività cinematografica: quella della documentazione territoriale con caratteristiche derivanti dal cinema antropologico e etnografico di modello classico declinate secondo una visione contemporanea e creativa del documentario.

Sede del corso è Cagliari. La Sardegna ha una lunga tradizione legata al cinema documentario di carattere antropologico. A partire dai lavori di Vittorio De Seta fino all’intervento operativo nell’isola, ospitati da ISRE (Istituto Superiore Regionale Etnografico)  di due tra i più importanti maestri del cinema antropologico Jean Rouch e David MacDougall.

Di McDougall ricordiamo alcuni spunti del suo insegnamento legato all’idea di cinema del reale anticipatrici del modo contemporaneo di fare documentario e che sono alla base dello scopo concreto di questo corso come l’idea di osservazione.

Di Jean Rouch vale la pena di riportare un’altra linea guida che orienterà le nostre scelte di base nella strutturazione del piano didattico: l’idea dello sguardo del regista della sua presenza in relazione alla materia documentata lasciando traccia di movimenti, sensazioni, cognizioni, desideri, mostrandosi agito nel suo partecipare filmando alla vita del territorio.

Nel 2o18  il festival  Isreal  organizzato da Alessandro Stellino per ISRE  ha ospitato Lucien Castaing-Taylor, Véréna Paravel  in una retrospettiva dei loro lavori e in un seminario con giovani studenti di antropologia. I due registi coordinano il  Sensory Ethnography Lab  presso il celebre MIT di Boston. Il Laboratorio ha lo scopo di favorire combinazioni innovative fra l'estetica e l'etnografia soprattutto attraverso l'utilizzo dei mezzi audiovisivi andando in una direzione opposta rispetto alle convenzioni dominanti nell'antropologia, nel cinema documentario e nella pratica artistica.  E’ questo nuovo orizzonte che il corso intende indagare.

IL PROGETTO

LA FORMAZIONE

Obiettivi del corso

 

Competenze da raggiungere

Essere in grado di sviluppare e realizzare un documentario a carattere antropologico progettando e attuando le scelte artistiche necessarie per la sua realizzazione.

Facoltà cognitive da saper utilizzare

Conoscere le necessità artistiche del processo 

produttivo, gli stili e i linguaggi del genere documentario e le necessità logistiche e necessarie produzione.

Abilità e know how da saper utilizzare

Elaborare i passaggi di progettazione di elaborazione artistica, di riprese e di post- produzione di un prodotto audiovisivo di tipo documentaristico a carattere etno-antropologico

Atteggiamenti e valori da saper utilizzare

Gestire i rapporti creativi con le altri componenti del processo produttivo senza prevaricazione ma con spirito collaborativo utilizzando un atteggiamento di team management

L’articolazione dell’attività frontale prevede due ambiti di intervento:

                                                

Ambito Teorico Critico

 

Articolato in 3 moduli formativi

 

Modulo 1   Storia del documentario con particolare riferimento al documentario contemporaneo

Questo modulo fornirà le conoscenze che riguardano l’inquadramento storico culturale del documentario fornendo il contesto di conoscenza e di riferimento affinché i partecipanti possano riconoscere nelle attività successive l’evoluzione del “metodo documentario” e le sue trasformazioni  con particolare riguardo al modo contemporaneo di realizzazione.

Saranno analizzati alcuni primi lavori della scuola documentaria (Flaherty, Ivens, Grierson) fino ai documentaristi di punta del mondo contemporaneo internazionale (Wiseman, Farocki, Wang Bing)

Ore previste per il modulo:  24

Docente previsto: Alessandro Stellino

 

Modulo 2   La specificità del documentario antropologico e etnografico

Questo modulo fornirà le conoscenze che riguardano le specificità espressive documentario  etnografico e antropologico fornendo il contesto di conoscenza e di riferimento  (Rouch, McDougall) affinché i partecipanti possano riconoscerne i caratteri seguendo in particolare l’orientamento estetico e ontologico del Sensory Ethnography Lab (SEL) dell’Università di Harvard e diretto  Lucien Castaing-Taylor. 

Ore previste per il modulo: 16

Docente previsto: Felice Tiragallo

 

 

Modulo 3   Teorie del documentario contemporaneo

Questo modulo fornirà agli studenti spunti riflessivi sui principi teorici del documentario con particolare riguardo al cosiddetto documentario di creazione. A partire dall’inquadramento storico sviluppato previste nel Modulo 1  e all’orientamento specifico previsto nel Modulo 2 in questa unità si provvederà riassumere e assimilare i principali riferimenti teorici nella complessa relazione che esiste tra oggetto della relazione/sguardo del documentarista/spettatore. Particolare rilievo verrà data alle diverse declinazioni che nella teoria e nella pratica documentaria assume il verbo riflettere: rispecchiare il reale / ripensarlo e riproporlo nella pratica documentaria/e come la pratica si riflette cioè che si ripercuote nella percezione dello spettatore.

Ore previste per il modulo: 32

Docente: Daniele Maggioni

Ambito Progettuale

 

Articolato in 2 moduli formativi

 

Modulo 4 - Metodologie della ricerca e della progettazione documentaria.

Questo modulo ha lo scopo di fornire ai partecipanti un breve quadro delle metodologie di ricerca sul campo e conseguentemente di progettazione documentaria, a partire dalle esperienze di alcuni ospiti invitati quali docenti, ciascuno dei quali illustrerà il proprio metodo di lavoro. Gli ospiti previsti per questa fase sono  Martina Parenti e Massimo D’Anolfi (autori di Spira Mirabilis, festival di Venezia 2016), Giovanni Columbu (autore di Surbiles festival di Locarno 2017), Dario Zonta (critico cinematografico e producer creativo per i film Fuocoammare di Gianfranco Rosi e Luisiana di Roberto Minervini).

Ore previste per il modulo: 24

 

Modulo 5   Progettazione di un documentario etnografico.

Durante questo modulo i partecipanti dovranno produrre un progetto di documentario a partire da una loro idea formalizzandolo in un vero e proprio documento elaborato sotto la guida di un tutor.  Tra i progetti elaborati verranno scelti i tre documentari che saranno realizzati durante la successiva fase di project work.

Ore previste per il modulo 32

Tutor: Nicola Contini,  Matteo Incollu

 

A conclusione del percorso è previsto un project work durante il quale potranno essere realizzati 3 brevi (3 gruppi di 4 persone) documentari in collaborazione con  ISRE  Nuoro  - Cineteca Carbonia – Cineteca Cagliari

 

I DOCENTI

Alessandro Stellino

Docente Modulo 1

 

Storia del documentario con particolare riferimento al documentario contemporaneo

Docente di storia del cinema presso la Scuola di Cinema di Milano (Fondazione Scuole Civiche di Milano), presso la scuola CISA (Conservatorio Internazionale di Scienze Audiovisive) di Locarno presso l’accademia NABA (Nuova Accademia di Belle Arti) di Milano.

Direttore della rivista Filmidee http://www.filmidee.it/ tra le più curate e prestigiose riviste di cinema on line e curatore dei due volumi Filmidee 1 e Filmidee 2 editi da Agenzia X Milano.

Collaboratore del Dizionario di cinema “Il Mereghetti” edizioni Baldini e Castoldi.

Direttore del Festival ISREAL di Nuoro, festival di cinema del reale del prestigioso centro di documentazione etnografica della Sardegna ISRE.

Direttore della Summer School sul cinema del reale a Platamona (SS).

Felice Tiragallo

Docente Modulo 2

 

La specificità del documentario antropologico ed etnografico

Docente di Antropologia culturale e Antropologia visuale presso l’Università degli Studi di Cagliari.

Autore del libro Visioni intenzionali-sguardi esperti, materialità e immaginario in ricerche di etnografia visiva Carrocci editore (2013).

Fondatore del Laboratorio di Etnografia Visiva presso l’Università degli Studi di Cagliari.

Autore di numerosi documentari etnografici.

Daniele Maggioni

Docente Modulo 3

Teorie del documentario contemporaneo

Coordinatore Modulo 5

Progettazione di un documentario etnografico

Direttore per 10 anni della Scuola di Cinema di Milano (Fondazione Scuole Civiche Milano).

Docente di Progettazione cinematografica presso la scuola CISA (Conservatorio Internazionale di Scienze Audiovisive) di Locarno.​

Autore dei volumi Joris Ivens (con S. Cavatorta) per il Castoro Cinema, Professione Filmmaker  (1997) per Mondadori e  Il filmmaker digitale (2008) per Hoepli.

​Produttore cinematografico di numerosi lungometraggi e documentari.

Co-regista del film NEL MONDO GRANDE E TERRIBILE sulla vita e sul pensiero di Antonio Gramsci in concorso al 20° Shanghai International Film Festival 2017.

Socio fondatore dell’Associazione Doc/It associazione del documentaristi italiani.

Nicola Contini

Coordinatore Modulo 4

Metodologie della ricerca e della progettazione documentaria

Producer e regista ha realizzato nel 2017 il documentario "Hold me Tight(s)" prodotto da ARTE-ZDF e Europa Creativa – sottoprogramma Media, anteprima nazionale al Biography Film festival, Menzione speciale a Visioni Doc 2017 e in precedenza "Zingarò una sartoria Rom" vincitore del concorso il cinema racconta il lavoro promosso dalla Società Umanitaria Cineteca regionale Sarda..

Vincitore del bando migrarti 2016 del Mibact per la realizzazione del documentario "Asi Stanala Siena – buongiorno Restelica"

Docente di cinema per i progetti Iscol@ della Regione Autonoma della Sardegna

Giovanni Columbu

Docente Modulo 4

Metodologie della ricerca e della progettazione documentaria

Ha lavorato come regista presso la RAI di Cagliari realizzando tra l’altro i documentari "Visos. Sogni, segnali, avvisi" (1985), "Dialoghi trasversali" (1989) e "Villages and villages" (1991, vincitore Prix Europa).

Nel 2001 realizza il suo primo lungometraggio "Arcipelaghi"  una storia di ventetta sullo sfondo di una Sardegna muta e drammatica.

Nel 2012 realizza "Su Re" una rilettura della passione di Cristo  ambientata in Sardegna sullo sfondo corale di una terra petrosa, con attori non professionisti.

Nel 2017 realizza il film documentario "Surbiles" che racconta  e ricostruisce visivamente le storie emerse da una ricerca antropologica sulle Surbiles, donne apparentemente uguali che tra il tramonto e l’alba abbandonano il proprio corpo fisico penetrano nelle case e succhiano il sangue ai bambini. Nella tradizione agropastorale della Sardegna Centrale  questo era il modo per giustificare la morte improvvisa e inspiegabile di molti bambini.

Dario Zonta

Docente Modulo 4

Metodologie della ricerca e della progettazione documentaria

Redattore e collaboratore della rivista “Lo Straniero” di Goffredo Fofi dal ’97 fino al 2017.

Ha scritto di cinema su riviste di settore (“Mucchio Selvaggio”, “duellanti”, “Rolling Stone”,

“Paronamique”, “Gli asini”) e è stato critico cinematografico del quotidiano “L’Unità” dal 2001 al 2015.

Conduce “Hollywood Party” di Radiotre dal 2007,

Produttore del film "La bocca del lupo" di Pietro Marcello, produttore creativo di  "Sacro G.R.A" di Gianfranco Rosi collaboratore alla produzione di "Fuocoammare" e di "Louisiana (The Other Side)" di Roberto Minervin.

Ha scritto la sceneggiatura, insieme alla regista Alina Marazzi, di "Tutto parla di te" e ha prodotto l’esordio di Davide Maldi, "Frastuono". 

Da sempre interessato alle forme del cinema documentario e dell’Altro Cinema, è nel comitato scientifico del Premio Solinas per il documentario e ha scritto diversi interventi e saggi sul cinema documentario e sperimentale. 

Da ultimo ha pubblicato per Contrasto il libro, “L’invenzione del reale”.

 

CALENDARIO E FASI DEL PROGETTO

DEADLINE CANDIDATURE

15 Luglio 2018

 

INIZIO DELLE LEZIONI

Ottobre 2018

DURATA CORSO

128 ore frontali con project work finale

 

LUOGO DI SVOLGIMENTO

Cagliari

COSTO

La frequenza al corso è gratuita

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

  • Età inferiore ai 35 anni alla scadenza delle iscrizioni

  • Curriculum vitae

  • Precedenti esperienze di realizzazioni audiovisive. Minima capacitò di ripresa e post-produzione.

I candidati dovranno inoltre presentare un breve progetto di documentario della durata di circa 10 minuti.

PER INFORMAZIONI
email:   info@mommotty.it
tel:         329 258 1678 
social:   facebook/territori viventi

CREDITS

Direzione del corso

Daniele Maggioni

 

Progettazione  e coordinamento

Nicola Contini e Daniele Maggioni

 

Organizzazione

Laura Biagini, Matteo Incollu, Federica Ortu (Mommotty srl)

Comunicazione

Guido Garau

 

Grafica e sviluppo web

Federica Ortu

 

Social Media

Nicola Contini

Con il sostegno di Mibac e di SIAE, nell'ambito dell'iniziativa

Sillumina – copia privata per i giovani, per la cultura 

In collaborazione con